Doppiozero

È rete dal febbraio del 2011 e nasce dal desiderio di creare uno spazio di approfondimento che parli in maniera trasversale dei temi più diversi, abbandonando lo stile autoreferenziale delle accademie e rendendo fruibili al pubblico le molteplici espressioni dell’autorità culturale. Collaborano a doppiozero oltre 1000 scrittori, critici, giornalisti, studiosi di diverse discipline, e l’ecosistema riunisce intellettuali di fama, giovani autori, artisti e ricercatori dei nuovi media. L’idea è quella di intrecciare sguardi differenti per formazione, età, luoghi e storie, e di avvalersi dei nuovi strumenti per occupare un vuoto: la cultura e l’istruzione sono ai margini degli interessi politici, ridotti a merce di scambio e mortificati; l’editoria guarda al raggiungimento di obiettivi numerici prescindendo dalla qualità dei contenuti; gli ambienti accademici restano circoli chiusi prigionieri di un’inerzia che impedisce loro di comunicare verso l’esterno; la rete è un mare di difficile fruizione in mancanza di strumenti di orientamento. Un luogo di confronto, dunque, attento all’attualità ma non piegato dall’urgenza di inseguirla. Il longform, strumento che meglio definisce l’adeguamento della cultura ai mezzi della comunicazione di oggi, è necessariamente al centro del progetto doppiozero.

Visita il sito di Doppiozero
Scarica la scheda completa

il Circolo dei lettori

La Fondazione Circolo dei lettori è l’officina delle storie, quelle dei libri di oggi e di ieri, lette o raccontate a voce alta, da ascoltare e commentare insieme. Storie per crescere, qualunque età si abbia. È il luogo d’incontro speciale per gli appassionati di lettura, perché i libri al Circolo dei lettori sono il punto di partenza per leggere il mondo. Romanzi, saggi, albi illustrati, fumetti: ogni genere della letteratura trova il proprio posto nelle sale di Via Bogino 9, per parlare di tutto. Di attualità, di storia, di filosofia, ma anche d’amore, di musica, di fantasia, e da ogni prospettiva. Perché al Circolo dei lettori si possono incontrare tutti i giorni chi le storie le inventa e le immagina, per più di 130 volte al mese. Nato nel 2006, sostenuto dalla Regione Piemonte, diretto da Maurizia Rebola, il Circolo dei lettori assume l’identità di centro culturale dinamico, curioso, innovativo. È diventato la guida in grado di inseguire l’equilibrio tra passato e futuro, tra solide tradizioni e ambiziose modernità, tra piaceri individuali ed esperienze collettive. Rifiutando l'idea del contenitore dove gli oggetti sono accatastati alla rinfusa, il Circolo dei lettori è invece un’officina del presente, dove la cultura non viene solo promossa ma anche prodotta. Per questa ragione il calendario è costellato di eventi che vengono pensati e realizzati direttamente dal Circolo, come Torino Spiritualità, festival dedicato alle grandi domande dell’essere umano, arrivato alla 14. edizione.

Visita il sito del Circolo dei Lettori
Scarica la scheda completa